Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookie, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Per saperne di piu'

Approvo

Davide Picchi, Area Manager Italia Prod@Eye

Con l’articolo di oggi continuo la mia personale battaglia per chiarire quali sono le funzioni di Prod@eye e con cosa NON deve essere confuso.

Oggi confronto Prod@eye con un sistema di supervisione o videoregistrazione continua.

Un sistema di supervisione, di solito, registra H24 tutto quello che accade su una linea/macchina automatica, soprattutto se la linea è molto grande e controllarla, per una persona sola, diventa impresa difficile.

Proviamo a fare un esempio di due aziende simili, una ha il sistema di supervisione con 8 videocamere, l’altra ha un Prod@eye sempre con 8 videocamere.

AZIENDA 1) la mattina il responsabile dello stabilimento della produzione o della manutenzione arrivano in ditta, scaricano tutti i filmati di tutte le videocamere, fanno un controllo incrociato con gli allarmi macchina e, diamo per scontato che gli orari delle videocamere e del sistema macchina siano sincronizzati perché non voglio sparare sulla croce rossa, vanno a selezionare il video di, diciamo, trenta secondi prima e trenta secondi dopo ogni singolo allarme macchina; scarica il filmato della 1, seleziona quello degli orari segnalati dal sistema macchina, e li archivia; ripete la stessa operazione per altre sette volte ( una per telecamera ), diciamo che è molto pratico del sistema e ci mette un’oretta. Poi comincia a rivederli e a cercare di capire cosa sia successo. Dopo un’altra oretta ha capito cosa è successo, chiama chi di dovere per dare indicazioni per risolvere il problema; nel frattempo il capo lo chiama e gli chiede conto dell’accaduto ma lui non ha ancora avuto tempo di fare una relazione e gli chiede un’oretta di tempo, il capo si inc..zza ma finisce li, a lui è venuto il nervoso perché non ha fatto altro che lavorare ininterrottamente solo per scaricare i video e riguardarli ma tanto al capo non gli interessa. Poi fa la sua relazione e la mattina è già andata tutta così.

AZIENDA 2) il responsabile arriva in ditta, inserisce una chiavetta USB nel Pod@eye e scarica i video del pre e del post di ogni singolo fermo macchina, scarica i video e va a bersi un caffè in santa pace. Dopo 2 minuti ha già tutti i filmati selezionati per videocamera e per orario, gli basta selezionare i dati che gli interessano e ha già un quadro preciso di quello che è accaduto durante il turno di notte. Dopo un quarto d’ora ha già capito cosa è successo alla sua linea e ne ha già parlato con chi di dovere e ha risolto la situazione. Questa è la situazione peggiore perché se il Prod@eye è collegato con un cavo di rete, il responsabile i video se li va a guardare direttamente dal suo ufficio o dalla control room. Non si stressa, quando il suo capo lo chiama ha già fatto una relazione dell’accaduto (e il capo gli fa i complimenti per l’efficienza), ha già dato indicazioni a chi di dovere per risolvere il problema. Ha fatto bella figura e non si è stressato neanche un po’.

Non scrivo queste cose come se fossero un racconto o una fiaba, questo è esattamente quello che accade quando non hai il Prod@eye (AZIENDA 1) o quando (AZIENDA 2) il Prod@eye l’hai montato sulla tua macchina/linea automatica.

E come fai a vedere le cause dei fermi macchina se non hai un sistema di supervisione video? E se il tuo cliente ha un sistema di supervisione video ma non ti da accesso ai suoi video?

Se vuoi avere maggiori informazioni lascia QUI la tua mail e verrai ricontattato da un nostro funzionario per una dimostrazione gratuita del Prod@eye direttamente a casa tua.

Ciao e alla prossima.

Le Nostre Divisioni

PCB

PCB

 

 

 

SICUREZZA