Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookie, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Per saperne di piu'

Approvo

Davide Picchi, Area Manager Italia Prod-Eye

Con l’articolo di oggi cercheremo di dare una risposta a una domanda piuttosto frequente:

Quanto costano i fermi macchina e come si possono calcolare ?

Innanzitutto: non è facile.

Ci sono moltissimi fattori che entrano in ballo, manutenzione, anzianità delle macchine, disponibilità di personale per le manutenzioni, errori umani ed errori macchina, disponibilità di pezzi di ricambio e l’elenco potrebbe essere ancora lungo.

Per evitare che si presentino situazioni non previste su alcuni di questi fattori ci possiamo lavorare, su altri diventa aleatorio il solo pensarci: le rotture delle macchine non sono sempre prevedibili anche se si stanno affacciando sul mercato dei sistemi che possono aiutare a limitare i danni, purtroppo al momento sono molto costosi.

Una cosa è certa: il calcolo del costo del fermo macchina deve considerare:

Costi relativi all’apparecchiatura
Costo del lavoro
Costo del prodotto
Costo di avvio
Aspettative di produttività
Costo per ora
Produzione ridotta
Costo degli scarti
Costi di assistenza
Costo per sostituzioni e riparazioni
Inoltre dobbiamo distinguere tra un fermo macchina programmato e un fermo macchina non programmato. Il secondo caso, secondo ricerche di mercato, può costare fino a 10 volte il primo.

Per calcolare il fermo macchina possiamo anche calcolare l’OEE ( Overall Equipment Effectiveness ) che noi potremmo tradurre con : efficienza generale dell’impianto.

OEE = Disponibilità x Rendimento x Qualità
L’OEE, nel modello classico, è il prodotto di tre indicatori percentuali che rappresentano le tre componenti fondamentali della performancedella macchina:

Disponibilità: percentuale dell’effettivo tempo di attività rispetto a quello disponibile;
Rendimento): percentuale di parti prodotte rispetto alla potenzialità teorica, quando l’impianto è attivo (corrisponde alla velocità effettiva rispetto alla velocità nominale);
Qualità: percentuale di parti conformi rispetto al totale delle parti prodotte.
Facciamo un esempio concreto : se la macchina ha lavorato al 92% del tempo totale con un rendimento del 88% del rendimento teorico massimo, producendo il 98% dei prodotti conformi otterrò : 0.92x0.88x0.98 = 0.79%, ossia anziché produrre 100 la mia macchina ha prodotto 79.

Poi da qui possiamo partire per verificare cosa ha fatto abbassare il rendimento medio.

Si possono eliminare i fermi macchina ?

Purtroppo no, o almeno non del tutto: le rotture alle volte sono imprevedibili, un prodotto difettoso che sfugge ai controlli ed entra nella mia macchina, bloccandola, può capitare; una semplice distrazione umana che rallenta la macchina .

Per aiutarvi a migliorare le performance delle vostre macchine e ridurre drasticamente i costi dei fermi macchina è nato un nuovo prodotto: Il Prod@eye. Si tratta di un nuovissimo dispositivo, coperto da brevetto internazionale e brevettato per la privacy, che funziona in questo modo :

E’ formato da una unità centrale e da un numero variabile di videocamere ( da 4 a 16 ) che vanno opportunamente orientate per inquadrare i punti con maggiori difettosità, poi si collegano gli allarmi macchina alle telecamere stesse, in questo modo, quando l’allarme scatta, il sistema, in automatico, salva i 30 secondi precedenti e i 30 secondi successivi all’evento allarmante mettendolo immediatamente a disposizione sia dell’operatore che di tutte le persone interessate.

Le Nostre Divisioni

PCB

PCB

 

 

 

SICUREZZA