Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookie, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Per saperne di piu'

Approvo

Il presente FAQ è puramente indicativo ed ha lo scopo di sintetizzare le principali domande e risposte. Non sostituisce il Manuale di Istruzione che è il documento di riferimento.

La lettura e la conoscenza del Manuale di Istruzione è BASILARE per poter procedere a qualsiasi tipo do intervento tecnico. Alcune risposte rimandano alla relativa pagina del Manuale per cui è consigliabile averlo sempre a portata di mano.

 

Q: Come inviare le informazioni tecniche al Supporto Tecnico di Techboard

A: Andare sulla Icona con Configurazione (System Configuration) cacciavite e chiave incrociata, seconda da sinistra

1)      Gestione configurazione, cliccare pulsante SALVA

2)      Mettere un dispositivo UBS in uno degli ingressi di fronte o sul retro del dispositivo Digi@eye;

3)      Cliccare sulla freccia a lato della riga UNITA’,

4)      Scegliere la porta UBS drive.

5)      Dare un nome al file che si vuole salvare usando la tastera da video

6)      Cliccare pulsante SALVA. Sono generati due file: un file formato .FFF che ha tutta la configurazione del dispositivo Digi@eye ed un file formato .TGZ che ha tutti le informazioni relative ai log ed alle operazioni svolte sul Digi@eye da parte degli utenti.

 

Q: Dove ricavare le informazioni sulla macchina da poi inviare al Supporto Tecnico di Techboard

A: Icona Informazione ( I ) sulla parte inferiore del video;

1)      Icona SALVA sulla pagina che si apre;

2)      Mettere un dispositivo UBS in uno degli ingressi di fronte o sul retro del dispositivo Digi@eye;

3)      Cliccare sulla freccia a lato della riga UNITA,

4)      Scegliere la porta UBS drive

5)      Dare un nome al file che si vuole salvare usando la tastera da video

6)      Cliccare pulsante SALVA. Viene generato un file di formato TXT che ha tutte le informazioni del dispositivo e salvato sul dispositivo USB

 

Q: come configurare il Router/Firewall per accedere ad un sistema remoto

A: il router del cliente deve essere raggiungibile a un indirizzo pubblico (statico o dinamico).

Ovviamente il cliente deve essere in grado di entrare nella configurazione del router.

Se l’indirizzo è dinamico, utilizzare DyndDns o servizi similari per garantire l’acceso, sceligendo tra quelli supportati dal router in oggetto.

Configurare il Digieye su un indirizzo statico di rete interna, e configurare opportunamente il port forwarding del router per raggiungere il sistema

Per avere un accesso minimale è necessario programmare il Firewall e mappare su indirizzo pubblico almeno le seguenti porte:

  • 9002 stream video
  • 9400 stream audio alsp if not used
  • 9301 status request
  • 9300 general information request

Se i DVR sono piu’ di uno, ma  in numero limitato e l’utente possiede una pool di indirizzi statici , si dovranno mappare opportunamente.

Nel caso sia necessario raggiungere multipli sistemi all’interno della rete privata, si dovrebbe passare ad una soluzione di VPN tra il firewall del Cliente e quello della Centrale.

 

Di seguito la relativa pagina del manuale:

Q: Accesso via http e Centralizzazione

A: Per l’accesso e il port forwarding vedere la FAQ relativa.  

L’accesso http è una soluzione minimale per un accesso veloce, e per chi non necessiti di una centralizzazione di livello superiore. L’accesso è garantito da un ActiveX sche viene scaricato automaticamente connettendosi al Digieye. Microsoft non supporta ActiveX nel browser Edge per cui è necessario utilizzare il browser Explorer nell’ultima versione. E’ altresì necessariol’indirizzo dle Digieye nella lista dei siti conosciuti e sicuri per poter avere l’ActiveX funzionante.

http puo’ essere abilitato o meno sulla base della configurazione di ogni sistema, anche per fasce orarie.

Digieye supporta due software di centralizzazione avanzati.

Questi software, DCCLite e DCC Premium, prevedono un sistema di autenticazione di sito (tra centrale e DVR remoto, abilitabile o meno).

Dopo la eventuale autenticazione di sito, si passa alla autorizzazione di accesso a livello utente.

Ogni utente possiede un set di autorizzazioni proprie.

Inoltre, in caso di necessità, ogni singolo diritto per quell’utente, puo’ richiedere la presenza di una seconda persona per doppia autorizzazione.

In caso di installazioni complesse, DCC Premium supporta la gestione centralizzata degli utenti e relativi diritti attraverso l’opzione Radius, eventualmente integrata anche con la Active Directory del cliente.

 

Q: La Dome non si muove

A: Se pilotata attraverso RS-485 verificare la porta seriale, verificare il converitore se esterno, verrificare l’indirizzo programmato sul bus dati e il protocollo selezionato in maneira che corrispondano a quello della dome. Verificare la polarità della RS-485.

Se telecamera IP verificare la compatibilità ONVIF

 

Q: Come aggiornare un sistema al nuovo software

A: tramite chiavetta USB, oppure con un tool di aggiornamento in rete. Per la procedura fare riferimento al manuale di istruzione. Risposta Meschini per Digieye

1)      Andare sulla Icona con Configurazione (System Configuration) cacciavite e chiave incrociata, seconda da sinistra

2)      Gestione Configurazione, cliccare AGGIORNAMENTO SOFTWARE

3)      Chiede se si vuole eseguire aggiornamento software SI / NO.

4)      Pagina AGGIORNAMENTO SOFTWARE;

5)      Cliccare la freccia di fianco ad UNITA’. Identifica la porta USB nella quale è connesso un dispositivo USB che ha il file per l’aggiornamento del software.

6)      Selezionare la directory dove, all’interno del dispositivo USB esterno, è presente il file di aggiornamento.

7)      Il Digieye legge il file di aggiornamento e si ri-inizializza.

 

Q: Come fare il backup su chiavetta delle registrazioni a fronte di un evento

A: Pulsante PLAY (sulla barra inferiore del video)

1)      Pusalnte BACK Up (terzo da sinistra, sulla barra inferiore del video)

2)      Mediante le icone presenti a lato del pulsante BACKUP scegliere quali sono le TIPOLOGIE di video che si vuole salvare e come: “data sovraimpressa”, “riproduci deinterlacciato”, “solo sequenze allarmate”, solo sequenze SMART”, “modalità IP veloce”;

3)      Pagina BACKUP SEQUENZE

4)      Identificare data (giorno, mese, anno) ed ora, minuti e secondi INIZIALI dell’intervallo di tempo dal quale deve iniziare la registrazione del backup dei filmati, cliccare CONFERMA o ANNULLA.

5)      Identificare data (giorno, mese, anno) ed ora, minuti e secondi FINALI dell’intervallo di tempo al quale deve finire la registrazione del backup dei filmati, cliccare CONFERMA o ANNULLA.

6)      SELEZIONE TELECAMERE: scegliere le telecamere delle quali si vuole salvare le registrazioni video, cliccando sulla icona della telecamera;

7)      Scegliere se si vuole salvare tutte le registrazioni presenti per la telecamere selezionate o solo le registrazioni eseguite a seguito di allarmi ricevuti dal dispositivo;

8)      Scegliere se si vuole applicare la firma digitale;

9)       Cliccare CONFERMA o ANNULLA;

10)   Mettere un dispositivo UBS in uno degli ingressi di fronte o sul retro del dispositivo Digi@eye;

11)  Cliccare sulla freccia a lato della riga UNITA’,

12)  Scegliere la porta UBS drive.

13)  Selezionare la directory nella quale si vuole salvare le registrazioni SELEZIONA

14)   Il Digi@eye chiede di scaricare una applicazione Windows che dovrà essere usata per visualizzare i filmati. Confermare con OK.

15)   Il Digi@eye esegue prima la copia dell’ applicazione Windows ( DigieyePlayer) e dopo la copia dei file delle registrazioni video (file FLM). 

16)   Per visualizzare i file registrati in formato FLM utilizzare il programma DigieyePlayer.

 

Q: Implementazione del dispositivo tramite l’SDK

A: il limite massimo è 16 sessioni video contemporanee. Ognuna di queste puo’ inoltre essere un quad split o un 16 split che conta per una. In modalità 4/16 split le immagino vengono ridotte dal Digieye e passate in Delta.

Nella configurazione delle fasi ci sono dei parametri aggiuntivi che consentono varie cose, come ad esempio limitare il numero massimo di sessioni video. Quindi bisogna controllare che non ci sia un limite settato.

Il limite per le sessioni di playback è 3-5 dipendentemente da memoria e versioni